Hai mai visitato Livorno ?

Alla domanda “hai mai visitato Livorno”, la maggioranza degli italiani risponderebbe “no”. La città toscana, infatti, è da sempre fuori dalle mete turistiche più conosciute e affollate. Soprattutto in una regione che vanta gioielli come FirenzeSienaPisa e LuccaLivorno fa fatica ad imporsi come meta turistica. L’errore, però, sta nel paragonare queste città d’arte con Livorno, che invece è altra cosa e ha un’altra storia. E anche i livornesi sono diversi dagli altri toscani: lo scrittore Curzio Malaparte diceva che la Toscana ha i livornesi come gli inglesi hanno l’Australia. Qualcosa che fa parte, senza farne parte del tutto.

OgQuindi, anche chi decide di visitarla, non deve aspettarsi una replica minore di queste famose mete ma qualcosa di diverso. Prima di tutto, perché Livorno è una città giovane: è cresciuta poco meno di 500 anni fa per volontà dei Medici, quindi non ha capolavori antichi ma solo neobarocchi e neoclassici, di quelli salvati al feroce bombardamento della Seconda Guerra Mondiale. E allora per cosa visitare Livorno? Per l’atmosfera tipica di una città di mare. Un mare, che in questo caso, si insinua fin dentro il cuore della città e avvolge il quartiere di Venezia Nuova con i suoi canali, l’odore di salsedine, le pareti scrostate dal vento e dal sale. La Fortezza Vecchia e quella Nuova, il Mercato delle Vettovaglie, i Quattro Mori, la Terrazza Mascagni e l’Acquario: tutto quello che c’è di interessante ha come protagonista il mare.

Intanto parliamo del quartiere dove è sito la nostra struttura, il quartiere di Venezia Nuova.

Per scoprire la vera anima di Livorno, il viaggio nella città toscana non può partire che da qui: il quartiere di “Venezia Nuova”. Proprio come Venezia, anche questo quartiere di Livorno è costruito intorno ai canali che portano il mare fin dentro la città. E in alcuni scorci è innegabile che assomiglia alla più famosa città della laguna. Ma il nome non si deve solo alla somiglianza.

Il quartiere di Venezia Nuova
Il quartiere di Venezia Nuova – Ponte di Marmo

Quando nel XVII secoli ci fu bisogno di costruire nuove case perché lo spazio nella Fortezza Nuova non bastava più, furono chiamate maestranze di Venezia, le uniche in grado di costruire case sull’acqua fatte per durare secoli. Il risultato fu un quartiere commerciale, direttamente collegato al porto dal Canale dei Navicelli e altri canali minori (fossi), con le cantine poggiate sul mare, le botteghe al piano terra e le abitazioni più in alto. Venezia Nuova fu pesantemente bombardato  durante la Seconda Guerra Mondiale ma è stato perfettamente ricostruito. Lo scrittore Curzio Malaparte in “Maledetti toscani” ha scritto che qui ci sono le “case più belle del Mediterraneo“. Oggi il quartiere è meno “marinaro” e più turistico, con botteghe, bar e ristoranti affacciati sui canali. Si anima soprattutto ad agosto di ogni anno con la manifestazione “Effetto Venezia”.

Per scoprire Venezia Nuova non c’è un itinerario preciso: la passeggiata è piacevole e gli scorci che si aprono sono tutti molto interessanti. Lungo il cammino si incontrano “I bottini dell’Olio“, vecchi magazzini dell’olio oggi trasformati in Museo e Biblioteca comunale.

Nelle vicinanze c’è la Chiesa di Santa Caterina con all’interno una magnifica Incoronazione della Vergine di Giorgio VasariSu Via Borra, la principale del quartiere, affacciano i palazzi più belli, come quello del Monte di Pietà, quello delle Colonne di Marmo e Palazzo Huigens. Sulla strada c’è anche uno degli angoli più caratteristici di Livorno: il Ponte di Marmo (nome ripreso dalla nostra struttura), che deve il suo nome alle sue spallette realizzate in marmo. Qui, nel corso dei secoli, barcaioli, facchini e pescatori hanno inciso, in forma di ex-voto, graffiti e iscrizioni dedicati ad amici del quartiere defunti. Un’abitudine visibile anche sull’altro ponte del quartiere, quello di San Giovanni Nepomuceno in Via della Madonna.

Per avere altre informazioni su Livorno vi invitiamo a vedere il portale del turismo della città Livorno Experience e l’ufficio informazioni turistiche con il sito visit livorno.

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito